LA CONTESTAZIONE A SUSANNA CAMUSSO

La contestazione di oggi 25 giugno all’iniziativa della CGIL è servita ad evidenziare la contrarietà all’accordo tra CONFINDUSTRIA e UIL-CISL-CIGL sulla rappresentatività nel privato e alle politiche di austerità, precarietà e concertazione degli ultimi vent’anni.

Un sindacato dei lavoratori che si chiude in un albergo a quattro stelle per parlare di lavoro è emblematico della distanza che lo separa dal paese reale. La CGIL pensava di portare la sua Segretaria in un paesaggio “da cartolina” ma il conflitto sociale si esprime anche qui. Le politiche collaborazionista con i padroni hanno portato precarietà, inquinamento ambientale (basti pensare a cosa succede in Amiata) e disoccupazione.

La reazione squadrista del servizio d’ordine CGIL davanti ad una contestazione che si è limitata ad uno striscione, dimostra la volontà di reprimere qualsiasi forma di dissenso per nascondere il conflitto sociale e presentare questo territorio ancora come loro feudo.

Ma il disagio è troppo palese per poter essere negato anche nella nostra “bella e ridente” Siena.

Il recente accordo interconfederale (tra Confindustria, CGIL, CISL e UIL) rappresenta uno degli attacchi più forti ai diritti dei lavoratori, una delle tappe di epilogo del processo di trasferimento del modello Marchionne a tutto il mondo del lavoro. Questi prevede che per partecipare alle elezioni delle RSU, si dovrà dichiarare di rinunciare al diritto di sciopero. Si tratta dell’ennesima prova di servilismo dei cosiddetti sindacati gialli, organizzazioni che dovrebbero tutelare il lavoro specialmente in una fase di crisi come questa (disoccupazione giovanile al 42%), ma che in realtà non sono altro che emanazione degli interessi dei padroni. Quest’accordo di fatto rende impossibile qualsiasi conflittualità all’interno dei luoghi di lavoro, condizionando il voto dei lavoratori per le elezioni delle RSU e fiaccando la resistenza delle componenti più combattive del sindacato.

E’ necessario innanzitutto che i lavoratori prendano coscienza di chi (non) li rappresenta e che si mobilitino unitariamente per scardinare questo perverso meccanismo concertativo, promuovendo il loro protagonismo di classe.

USB_Unione Sindacale di Base – Confederazione dei COBAS – DAS_Dimensione Autonoma Studentesca – Rete della Conoscenza_Siena 

 

Annunci
Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: