UNA DOMANDA AI RETTORI: DOVE SIETE STATI FINO AD ORA?

AI RETTORI che chiedono di salvare l’Università:
MA DOVE ERAVATE ?

E’ la domanda che USB PI – Università rivolge ai Rettori, dopo aver letto i
commenti e le sei richieste che il  prof. Mancini, presidente della CRUI,
formula al prossimo governo per salvare il sistema universitario pubblico.
(http://www.crui.it/HomePage.aspx?ref=2139 )

Non è credibile – sostiene USB – chi si lamenta della fuga dei cervelli e
del calo delle immatricolazioni, quando continua ad accettare provvedimenti
che prevedono il numero chiuso, l’aumento delle tasse universitarie,
l’eliminazione di corsi di laurea o di interi Atenei, a vantaggio di atenei
privati o di altri, da sempre privilegiati grazie alla loro collocazione
territoriale.
Per  l’ elezione di Mancini a  Presidente della CRUI, la USB presidiava
l’Assemblea per chiedere ai rettori un cambio di rotta nella gestione degli
atenei, che permettesse di difendere la funzione sociale del sistema
universitario messa a rischio dall’entrata in vigore della riforma Gelmini.
(http://usb.uniroma2.it/index.php/archives/1554 ).
Quello che si ostinano a nascondere i Rettori, Mancini in testa, è la
necessità di rivedere l’intera impostazione della riforma, costruita su
principi quali competizione e valutazione meritocratica: tra atenei di serie
A e B, tra le corporazioni accademiche e le componenti più deboli delle
comunità universitarie. Parole che vanno sostituite da collaborazione e
funzione sociale tra/degli Atenei e  che vengono regolarmente dimenticate
dai partiti che ci hanno governato in questi anni e che si apprestano ora a
farlo.
Una riforma  che, accompagnata da tagli e blocco del turn-over, non ha come
scopo la risoluzione dei problemi del sistema universitario pubblico, ma ne
sancisce il suo smantellamento mettendola nella mani dei potentati
economici-finanziari. Un processo che contribuisce a modificare lo sviluppo
sociale del nostro paese a danno delle classi più deboli, voluto da una
politica cedevole al progetto europeo di trasformazione sociale. La lotta
per l’Università e Ricerca Pubblica si salda con la lotta contro questo
sistema.
USB con studenti, lavoratori e con tutte le forze sociali che hanno a cuore
la difesa dello stato sociale, sarà parte attiva nel rivendicare che
Università e Ricerca pubbliche dovranno mantenere il compito costituzionale
di fornire ricerca di base e formazione permanente per trainare la comunità
in un necessario percorso verso lo sviluppo .

Roma, 19 febbraio 2013

USB/P.I. – Università

Annunci
Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: