la novella dello stento che dura tanto, tanto, tanto, tempo

Sei incontri di contrattazione da ottobre a dicembre 2012. Da quando è iniziato il 2013 solo due incontri a febbraio, cosa si aspetta?

Abbiamo definito l’impostazione generale del contratto integrativo, anche se chiederemo aggiustamenti sulla suddivisione delle risorse fra i vari istituti del contratto. L’anno 2012 è finito e ora si può determinare con precisione l’effetto della riduzione sul fondo basata sul calcolo dei cessati 2012, in base all’art. 9 comma 2 della legge 78/2010, e quindi l’ammontare reale e non presunto delle risorse disponibili. Nel fare questa operazione, però, si devono escludere i colleghi in comando dal calcolo dei cessati 2012. Abbiamo già esposto la questione all’Amministrazione, che sembra aver accettato la proposta, e questo porterà maggiori risorse, nell’ordine di qualche decina di migliaia di euro, a disposizione del personale. Le risorse dello straordinario 2011 verranno trasferite in misura maggiore rispetto alla previsione di 221.000 euro, quindi maggiori risorse anche in questo caso. A conti fatti avremo più di 907.595,00 euro nel fondo!

Abbiamo promosso un’assemblea partecipata, e una consultazione rivolta a tutto il personale, insieme alla RSU e alla FLC-CGIL. Da questa scelta è arrivato un segnale chiaro verso dove, chi si è espresso, voglia vada il tavolo della contrattazione.

Resta solo da leggere il testo dell’ipotesi di contratto, ma perché si aspetta così tanto per sottoporlo alle OO.SS. e alla RSU?

L’Amministrazione prende tempo perché ci sono problemi di liquidità e quindi di pagamento degli istituti contrattuali? La domanda sorge spontanea perché abbiamo sempre sostenuto che con la tensione liquidità del nostro Ateneo, l’ultimo ostacolo sarebbe stato quello della reale riscossione dei soldi. Girano le solite voci di tensione sugli stipendi, e difficoltà di trasferimento di soldi ai Dipartimenti e questo getta una luce funesta sulla reale tenuta del contratto integrativo.

Cerchiamo, ora, di fare il punto su come si è arrivati all’avvio delle trattative. Nel 2012 abbiamo promosso insieme alle altre sigle innumerevoli forme di pressione e lotta con l’Amministrazione. Tre incontri dal Prefetto, 5 interruzioni del CdA, e infine la promozione da parte di CISAL, CISAPUNI e UIL dei ricorsi sul 2011. Il 2011 è un anno ormai passato su cui l’unico modo di agire è pretendere la validità sacrosanta del vecchio contratto. I ricorsi hanno rafforzato la posizione della parte sindacale al tavolo durante le trattative. Noi come USB avevamo lanciato la proposta di presentare ingiunzioni di pagamento, che avrebbero avuto un iter giudiziale più breve. Li abbiamo sospesi perché di fronte ai ricorsi il giudice ci avrebbe rigettato le ingiunzioni, con buona probabilità, facendoceli ripresentare come ricorsi individuali. I nostri conteggi da presentare all’Amministrazione, però, sono sempre pronti. Aspettiamo la sentenza del giudice. Anzi lo invitiamo a pronunciarsi, di tempo e di udienze ne sono già state fatte fin troppe.

Abbiamo ottenuto, insieme alla RSU e alle altre sigle, il riconoscimento dell’IMA in 12 mensilità uguale per tutti e non valutata. Questo vuol dire aver fatto valere il nostro CCNL, quando da più parti a livello nazionale viene messo in discussione.

Crediamo che dal 2012 si debba ripartire con un nuovo contratto perché non possiamo accettare che si continui a pagare il salario accessorio con un contratto risalente al 2003. La proroga del vecchio contratto integrativo non l’abbiamo mai accettata fin dal 2007! L’organizzazione del lavoro è cambiata dal 2003 almeno tre volte. E nel 2012 si è avviata l’ennesima riorganizzazione e ora dobbiamo assumerci la responsabilità che vengano retribuite le giuste prestazioni rese nel 2012.

Certo, per il 2012, essendo un anno di passaggio fra due diverse organizzazioni, verranno retribuite tutte le responsabilità e le posizioni vecchie e nuove in ragione della reale copertura mensile, ma si è iniziato un lento processo di ripresa di una reale erogazione in base alla fotografia attuale. Il 2013 saremo in grado di lavorare sull’attualità. Sull’organizzazione comunque a breve apriremo tutto un altro fronte di analisi. L’organizzazione del lavoro infatti non sono solo responsabilità, ma benessere organizzativo e possibilità di lavorare.

Il percorso è migliorabile, nessuno lo nega, ma è stato fatto nell’interesse di tutti di vedere riconosciute le reali prestazioni di ora, non quelle del 2003.

La conseguenza della riduzione operata in base alla decisione del MEF ci ha impoverito tutti, cinque milioni da restituire sono tanti, ma noi non ci fermeremo mai nel cercare di ricostruire cosa realmente è successo dal 2000 al 2009. La ricostruzione però del passato, non può bloccare il salario accessorio di chi oggi è al lavoro, perché si aggiungerebbe al già pesante e ingiusto taglio imposto dal MEF sul fondo. Pochi maledetti, ma subito!

Sulla valutazione della quantificazione e correttezza del recupero c’è tempo e lo useremo per fare chiarezza come abbiamo sempre fatto. Ci sono poi tutta una serie di ulteriori interventi che promuoveremo in sede di controllo esterno che permetteranno di quantificare il danno ai dipendenti e all’immagine dell’Ateneo per l’errore commesso sul salario accessorio. Seguiremo anche quelle strade.

Si tratta solo di capire perché si perda ancora tempo. La lentezza del tavolo della contrattazione nel 2013 è inversamente proporzionale alla velocità con cui sta finendo la carta igienica nei bagni della periferia. Ve ne siete accorti? Noi si!

Annunci
Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: