Arrampicarsi sugli specchi costa fatica ma soprattutto produce un rumore fastidioso

Arrampicarsi sugli specchi costa fatica ma soprattutto produce un rumore fastidioso

La questione del salario accessorio sta diventando di tale portata che ognuno cerca di scaricare su altri la responsabilità delle scelte.

La sospensione del fondo è il vero problema. Tale sospensione è avvenuta nel gennaio 2011 a seguito di decisione della Direzione Amministrativa. Le ragioni della sospensione non sono mai state giustificate con i problemi tecnici e giuridici legati alla certificazione dei fondi così come scritto dal Rettore in data 14 marzo 2012.

Infatti nella email dell’8 gennaio 2011, inviata a tutto il personale, in cui si comunicava la sospensione, la Direttrice Amministrativa scriveva: “Le trattative per un nuovo contratto collettivo integrativo per il 2011 sono inoltre subordinate al fatto che si possa erogare il trattamento accessorio in presenza di disavanzi di considerevoli entità per il 2010 e per 2011.” Cita poi la questione delle risorse da recuperare e conclude: “Sarà nostra cura informare in merito alla risposta che ci verrà data e, auspicabilmente, revocare la sospensione in oggetto.” In nessuna parte della email si parla di certificazioni.

Il problema della certificazione è apparso solo nel luglio 2011 dopo che in un verbale dei Revisori dei Conti, verbale n. 16 del 8.07.2011, fu sollevato il problema. Peraltro la questione è stata ampiamente dibattuta con tanto di relazione, in cui vengono citati i verbali dove a nostro avviso viene data la certificazione che si può leggere al seguente link: http://wp.me/pn9o0-cl

RISPOSTA AL RETTORE E AL DIRETTORE AMMINISTRATIVO SUL RESOCONTO RIUNIONE SUL T

Posizione sindacale per incontro 7 febbraio 2012

Se poi si vuole strappare un “sorriso” al personale si può scrivere che la certificazione nel biennio 2009-2010 non è avvenuta causa la situazione di crisi anche organizzativa dell’Ateneo di Siena. Di problemi organizzativi ne abbiamo avuti tanti in passato e ancora ne abbiamo, ma visto che la certificazione è cura unicamente del Collegio dei revisori non possiamo capire quali problemi di tale natura possa aver avuto un organo composto da quattro componenti. Crediamo semmai che il Collegio dei revisori nel biennio 2009-2010 abbia avuto altri problemi … da affrontare, problemi legati alla sua azione precedente. I verbali sono scritti male, ma danno la certificazione.

La lingua italiana permette di scrivere in modo brutto, ma il senso delle frasi resta inequivocabile.

La sospensione del TEA è stata dettata da una scelta presa dalla Direzione Amministrativa e dal Rettore e risale al gennaio 2011.

Le responsabilità da imputare al Collegio dei Revisori ci sono e le abbiamo più volte richiamate, ma sono altre.

Dopo 15 mesi di sospensione del TEA comprendiamo che la rabbia montante del personale, i ricorsi al giudice e lo stato di agitazione comincino a preoccupare, ma non si cerchi di scaricare su altri le proprie responsabilità. Oltre al danno chiediamo di non essere anche beffati per favore.

USB p.I. università di Siena

Lettera del Rettore inviata in data 14 marzo 2012:

Al Personale Tecnico ed Amministrativo

Al Personale Docente

Care/i colleghe e colleghi,

desideriamo fornire una precisazione rispetto a quanto affermato nei giorni scorsi dalle Sigle Sindacali nel documento inviato – oltre che all’Amministrazione – al Prefetto di Siena, in sede di procedura di apertura dello stato di agitazione.

Nel suddetto documento viene ritenuto inaccettabile che “la difficile situazione economica dell’Ateneo possa giustificare le scelte”

dell’Amministrazione inerenti, in sostanza, alla sospensione dell’erogazione del Trattamento economico accessorio (TEA).

 

Desideriamo smentire tale affermazione. Infatti la sospensione del trattamento economico accessorio non dipende da problemi di natura finanziaria ma piuttosto da ostacoli di tipo tecnico e giuridico che hanno a che fare con questioni relative alla certificazione dei Fondi per gli anni 2009 e 2010.

Infatti, come ampiamente illustrato nella nostra e- mail dell’8.02 u.s., la costituzione del Fondo del trattamento economico accessorio, anni 2011 e 2012, richiede che l’Amministrazione accerti l’avvenuta certificazione di compatibilità relativa ai fondi dei due anni precedenti da parte del Collegio dei Revisori dei Conti.

Presso l’Ateneo, nel biennio 2009 e 2010, causa la situazione di crisi anche organizzativa dell’Ateneo di Siena, è fortemente controverso se sia intervenuta la suddetta certificazione dei Fondi e, comunque, l’attuale Collegio dei Revisori dei conti ritiene che sia impedita la costituzione del Fondo dell’anno 2011.

In assenza della suddetta certificazione della compatibilità economico-finanziaria dei fondi relativi al biennio 2009-2010, non è possibile iniziare le trattative per la corresponsione del TEA.

Al fine di cercare di trovare una soluzione ai problemi esposti, di natura tecnico-giuridica, l’Amministrazione sta lavorando intensamente con i Dirigenti ministeriali del Ministero dell’Economia e delle Finanze.

Cordialmente.

Il Rettore

Prof. Angelo Riccaboni

Il Direttore Amministrativo

Dott.ssa Ines Fabbro

Annunci
Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: