lettera al Prefetto per lo stato di agitazione del personale tecnico e amministrativo

Al Prefetto di Siena

 Dott.ssa Gerarda Maria Pantalone

Piazza Duomo 1, Siena

Al Rettore dell’Università degli Studi di Siena

Prof. Angelo Riccaboni

Via Banchi di Sotto 55, Siena

 

Oggetto: Procedura per l’apertura dello stato di agitazione, secondo quanto previsto dalla legge 146/90 e successive modifiche con legge 83/2000, del personale Tecnico-Amministrativo dell’Università degli Studi di Siena

 

Le scriventi OO.SS., su mandato dei lavoratori del personale tecnico-Amministrativo dell’Università degli Studi di Siena comunicano l’indizione dello stato di agitazione dei lavoratori.

Da oltre 14 mesi il personale tecnico e amministrativo dell’Università di Siena vive un forte disagio a causa della sospensione illegittima e unilaterale del salario accessorio da parte della Direttrice Amministrativa Dott.ssa Fabbro.

Con la sospensione del salario accessorio è stato di fatto sospeso qualsiasi tipo di attività contrattuale di secondo livello venendo meno il rispetto di quanto previsto dagli artt. 40 e 40 bis del d.lgs.165/2001. La sospensione da oltre 14 mesi mette in grave difficoltà l’efficienza e la produttività dell’Ateneo.

Infatti, non vengono erogate le risorse previste per i seguenti fondi:

 

–          fondo art. 87 del CCNL 2006-2009 comparto università che viene distribuito fra il personale di categoria B-C-D e remunera tutte le voci accessorie fisse e ricorrenti, dall’indennità d’Ateneo ex art. 41 CCNL comparto università, alle indennità per rischio istituite col DPR n.146 del 1975, alle indennità di turno notturno e festivo;

–         fondo art. 86 del CCNL 2006-2009 comparto università che serve a remunerare il personale che presta servizio in regime di ore straordinarie.

Stiamo parlando di indennità, previste dal contratto collettivo nazionale e da leggi, che vengono erogate per remunerare le prestazioni lavorative del personale; prestazioni che comunque il personale continua a svolgere.

Le OO.SS. hanno chiesto più volte in forma scritta e durante le sedute di informazione di poter discutere di un Contratto integrativo e di poter determinare i criteri per la distribuzione delle risorse destinate al lavoro straordinario. Sul salario accessorio le OO.SS. hanno prodotto oltre tre relazioni e documenti dimostrando tutta la loro volontà per cercare e proporre soluzioni.

La posizione della parte pubblica è inamovibile. La parte pubblica giustifica la propria scelta nella necessità di comprendere bene come sono state utilizzate le risorse destinate al salario accessorio negli anni 2001-2009. Vi sono infatti stati dei riscontri da parte della sezione dell’IGOP del MEF in merito ad irregolarità sulla determinazione di predette risorse. Gli errori determinatisi sono da ascrivere a responsabilità dei dirigenti dell’epoca e del collegio dei revisori dei conti, e mal si comprende come mai per errori prodotti da altri soggetti bene identificabili debbano pagare oltre 1000 dipendenti dell’Università di Siena. Ad oggi non risulta essere stata presentata alcuna messa in mora presso la Corte dei Conti dei suddetti responsabili, ma risultano penalizzati solo i dipendenti.

La Dott.ssa Fabbro sta delegittimando il ruolo e la funzione delle OO.SS. in modo grave ancor più in un momento di difficoltà come questo per l’Ateneo, che richiederebbe invece la reale condivisione delle decisioni.

 Il Contratto Collettivo Integrativo è obbligo inderogabile e si stipula tra i Rappresentanti dell’Università  (Rettore e Direttore) ed i Rappresentanti dei Lavoratori (OO.SS. e R.S.U.).

La Contrattazione si svolge nei modi e nei tempi stabiliti dal CCNL e dalle normative generali di riferimento, in particolare dalle leggi che regolamentano l’autonomia dell’Università

L’omessa e/o insufficiente realizzazione del Contratto Integrativo dell’Università costituisce violazione dei diritti dei lavoratori, comportamento antisindacale.

Dopo 14 mesi è venuta meno la fiducia nei vertici dell’Ateneo, perché da parte del Rettore e della Direttrice Amministrativa è venuto meno il rispetto di quanto previsto dall’art. 11 del CCNL 2006-2009 comparto Università: le relazioni sindacali non avvengono secondo principi di correttezza, buona fede e trasparenza dei comportamenti e non sono orientati alla prevenzione dei conflitti.

Infatti la sospensione del salario accessorio sta esponendo la Pubblica Amministrazione ad un innalzamento del contenzioso di fronte al giudice del lavoro, siamo già ben oltre i 250 ricorsi presentati e nelle prossime settimane aumenteranno.

L’ultima volta che ci rivolgemmo a Sua Eccellenza il Prefetto era per chiedere il rispetto di un contratto integrativo che prevedeva le progressioni economiche orizzontali.

Oggi la situazione per cui ci rivolgiamo a Lei è molto peggiore. Qui non si tratta di chiedere il rispetto di una norma contrattuale stabilita dalle parti ma di ottemperare ad obblighi di legge che prevedono la remunerazione delle prestazioni dei lavoratori.

Non possiamo accettare che la difficile situazione economica dell’Ateneo possa giustificare le scelte sopra riportate. Innanzitutto perché è impensabile rilanciare l’Ateneo senza la giusta retribuzione dei dipendenti, e in secondo luogo perché le stesse parole del Rettore sulla migliore condizione dell’Ateneo nella chiusura dell’Anno 2011 confliggono con la minaccia che la richiesta del salario accessorio metterebbe in discussione l’erogazione degli stipendi stessi.

Si rende pertanto necessaria, al fine di superare la spiacevole situazione venutasi a creare, la convocazione di un tavolo di confronto con i soggetti in indirizzo, con le RSU di ateneo e con le altre sigle sindacali.

In attesa di sollecito riscontro le scriventi porgono cordiali saluti.

Siena, 7 marzo 2012

Per la USB Pubblico Impiego

Lorenzo Costa

Per la CISL UNIVERSITA’

Antonio Giardi

Per la CONFSAL-SNALS CISAPUNI

Silvio Pucci

Per la CSA della CISAL Università

Francesco Fusi

Per la UGL INTESA F.P.

Daniela Orazioli

Per la UIL-RUA

Antonio Sterlacci

Per la FLC-CGIL

Andrea Machetti

Annunci
Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: