Un “Angelo” caduto dal cielo

Un “Angelo” caduto dal cielo

La RSU e le sottoscriventi OO.SS. (CISAL, CISL, CISAPUNI, RdB/USB, UGL, UIL RUA) richiamano con urgenza l’attenzione di tutti i colleghi.

Le decisioni che intende assumere l’amministrazione a carico del personale tecnico-amministrativo sono pesanti e serie e indicano chiaramente l’indirizzo politico del neo-Rettore Riccaboni: risanare le casse dell’Ateneo senza preoccuparsi di far emergere le responsabilità, schiacciando il personale tecnico amministrativo!

L’idea dell’Amministrazione è quella di recuperare i soldi, che il MEF avrebbe detto siano stati erogati in più, decurtando il fondo del salario accessorio per i prossimi tre anni della somma corrispondente. Di fatto si azzera tutto il fondo.

Il Direttore Amministrativo ha dichiarato ieri che da gennaio non ci sarà più salario accessorio!

(120 euro in meno in busta paga in media per chi guadagna € 1.200).

Tutto questo nonostante vi siano norme, a cui si appella il Direttore Amministrativo, la cui interpretazione è dubbia e su cui va fatta una riflessione. La volontà però è quella di non confrontarsi, ma imporre con la scusa che c’è la crisi!

Invitiamo tutti i colleghi a rifiutarsi di fare ore in più, non prestiamo un’ora in più del nostro tempo ad un’Amministrazione che ci strozza.

Cominciamo a far vedere che tira avanti questa baracca!

Il 14 dicembre alle 9.30 tutti fuori dalla Prefettura per manifestare la nostra rabbia! Presidio!

Nell’incontro di ieri, mentre da un lato si sbandieravano legalità e trasparenza, in verità si invitava il personale al silenzio: non rivolgersi alla Magistratura con esposti e denunce contro l’Amministrazione, e accettare passivamente una decisione che indica la volontà di coprire le precedenti responsabilità amministrative sulle spalle dei lavoratori tecnici-amministrativi!

Siamo scesi in piazza per chiedere TRASPARENZA LEGALITA’ E VERITA’ e’ continueremo a farlo, a costo di una nuova mobilitazione che si rivolga questa volta non tanto alle Istituzioni sorde e cieche ai nostri bisogni, visto che ora hanno un amico sulla poltrona, bensì alla Magistratura, che sveltisca le sue indagini e accerti responsabilità e relativi oneri!

Nessun risanamento è possibile se non poggia sui valori fondamentali della GIUSTIZIA SOCIALE!

Siena 10 dicembre 2010

Annunci
Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: