Monthly Archives: marzo 2009

oltre la sbarra: accesso alla parola

Siamo chiamati ovviamente a rispondere alla comunicazione spedita venerdì pomeriggio dal Direttore Amministrativo. La nostra preoccupazione non è data dal tono molto forte con cui reagisce a quanto deciso da un’assemblea di 150 dipendenti dell’ateneo, né dalla minaccia che avanza di ripercussioni diverse verso chi ha partecipato a quella assemblea e verso chi semmai da martedì adotterà forme di protesta. No, la nostra preoccupazione nasce dal fatto che questa Amministrazione sta dimostrando una totale sordità verso le richieste avanzate nell’ultimo mese da molti: docenti, ricercatori, tecnici-amministrativi, assegnisti e dottorandi. Continua a leggere

Annunci

Crisi, Universita, Alternativa: Giornate di Seminari autogestiti

Lunedì 30 marzo 2009 presso la  Facoltà di Economia Goodwin,  P.zza S. Francesco, 7 – aula Franco Romani – Ore 16.00
In collaborazione con RdB/CUB Siena, Luciano Vasapollo (Università degli Studi La Sapienza, Roma terrà un seminario su: Economia mondiale e crisi finanziaria.

Sarà presentato il volume “La crisi del capitale – Compendio di economia applicata: la mondializzazione capitalistica” di L. Vasapollo ( Jaca Book 2009)

Quello di lunedì è il primo di una serie di seminari autogestiti promossi dall’Assemblea Permanente e dai Precari della Ricerca.

Il calendario degli altri appuntamenti qui.

SABATO 28 MARZO 2009 MANIFESTAZIONE NAZIONALE a ROMA – Piazza della Repubblica, ore 15

Il clamoroso e drammatico fallimento della “globalizzazione” ha innescato una crisi economica senza precedenti. Licenziamenti e precarizzazione di massa dei lavoratori, taglio dei redditi, taglio della spesa sociale sono le direttive su cui si muovono i governi rilanciando un’ennesima e gigantesca operazione di trasferimento della ricchezza dal lavoro ai profitti e alle rendite. In questo quadro si colloca la rinuncia del governo all’Università e alla Ricerca Pubblica, con tutto il suo corollario di licenziamenti per i lavoratori e aumenti della tasse per gli studenti. Tutto ciò trova impreparati non solo le forze politiche che si erano fatti tutori delle “riforme Universitarie”, ma anche i sindacati tradizionali che le hanno appoggiate acriticamente. Continua a leggere

Parere legale sul regolamento parcheggi

Le questioni da affrontare sono di diversa specie per cui esporremo le
nostre considerazioni trattandole per “punti” e concentrando nella parte
finale quelle che sono le perplessità che suscita il decreto.

La prima questione che abbiamo considerato riguarda la possibilità o meno,
per l’Ente, in termini legislativi, di emanare un provvedimento per la
previsione e la disciplina di un servizio ai lavoratori, come quello di
cui parliamo.
A questo proposito, il combinato disposto delle norme di cui al D.Lgs. 30
marzo 2001 n. 265 ed al CCNL per il quadriennio 2006/2009 comparto
Università, fornisce un quadro sostanzialmente affermativo.
Possiamo pertanto ritenere che nulla osta all’adozione, nelle forme
opportune e con i limiti che analizzeremo di seguito, del provvedimento in
esame. Continua a leggere

Protocollo d’intesa con l’AOUS: svendiamo la ricerca e la didattica

È di qualche settimana fa, la firma da parte del rettore del Protocollo d’intesa tra la regione, le tre università toscane e le aziende ospedaliere. Vogliamo denunciare quello che sta avvenendo perché molti fra tecnici amministrativi e docenti non sanno cosa sta succedendo: stiamo svendendo la ricerca e la didattica, ma anche, in modo sotterraneo, il personale universitario che lavora in convenzione all’Azienda Ospedaliera senese. Il tutto per 8 milioni di euro!!
Finora dalla regione venivano pagati all’ateneo 12,5 milioni di euro all’anno per la convenzione del personale universitario. Questi sono soldi che non portano un guadagno all’Ateneo, ma sono il corrispettivo che viene dato dalla regione per coprire quella quota di stipendio il cui pagamento spetta al SSN. In pratica l’università li anticipa e poi la regione salda in un secondo momento.
Ora si profila una novità: ci vengono pagati 8 milioni di euro per dare alla regione la possibilità di decidere come e dove indirizzare la ricerca e la didattica che viene fatta dalla facoltà di medicina. Trovate  qui il testo completo del protocollo e potete giudicare da voi.
Soprattutto viene trasferita la proprietà dei brevetti alla regione. Finora nell’Ateneo abbiamo 46 brevetti che ci sono costati € 184.000 in dieci anni, ma la cosa grave è che con il nuovo protocollo tutti i brevetti e i risultati delle ricerche biomediche e farmaceutiche, anche effettuate da strutture diverse dalla facoltà di medicina e chirurgia sono trasferiti all’Azienda Ospedaliera.
Ci viene ripetuto che in questa situazione economica e finanziaria non si può fare gli schizzinosi, ma essere contenti dell’arrivo di 8 milioni in più all’Ateneo. A noi sembra che la regione ci stia imponendo un prezzo misero, sfruttando la nostra situazione e non lo possiamo accettare!!
Chiediamo a tutti gli interessati di leggere il testo del protocollo in modo da organizzare al più presto una iniziativa in proposito.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: