Tanta è la confusione sotto i cieli

Sono diverse le questioni su cui vorremmo porre l’attenzione.

Parcheggi. È stato approvato la settimana scorsa dal tavolo di contrattazione e ieri in CdA il CCI che regola l’accesso ai parcheggi di ateneo. Non abbiamo firmato il documento per vari motivi. Intanto viene introdotta di nuovo la differenza per l’accesso fra sedi limitrofe e sedi che dispongono del parcheggio, vedi Giurisprudenza e Scienze Politiche, sarà la facoltà che dispone del parcheggio che decide quanti posti dare alle sedi limitrofe. È stata tolta la distanza di residenza dal posto di lavoro di 3 km. come limite per avere accesso ai parcheggi di ateneo; in contrattazione era stata proposta la deroga per S. Miniato vista la posizione periferica, ma per le sedi in centro sembrava una garanzia per dare la possibilità a chi realmente deve venire in macchina di accedere ai parcheggi e limitare l’accesso a chi vuole solo il privilegio. Troppa fretta è stata data anche alla discussione sulla somma da corrispondere. Rettore, Direttore Amministrativo, professori ordinari, professori associati e dirigenti amministrativi: euro 18; ricercatori e personale tecnico-amministrativo, altre tipologie di rapporti di lavoro: euro 8. Perché pagare per dodici mesi quando usufruiamo del parcheggio solo per undici mesi?
Sottolineiamo che siamo consapevoli dei disagi che molti vivono rispetto alla questione parcheggi; la nostra opposizione al documento non intendeva rimandare alla calende greche la risoluzione del problema, ma solo trovare soluzioni più mirate. È vero che si discute da tanto del problema, che a molti è scaduta la convenzione con la Siena Parcheggi a dicembre, che a S. francesco sono state adottate soluzioni assurde e che all’Azienda Ospedaliera esiste ancora un altro tipo di disagio, ma si poteva, nell’arco di un mese, proporre qualcosa di più risolutivo. Non abbiamo ravvisato garanzie sufficienti per tutti nel regolamento che ci è stato presentato. Altro motivo solo di forma, è vero, ma grave a nostro avviso, è che il Senato Accademico ha modificato un testo che era stato discusso dal tavolo di contrattazione, è questa la nuova governance che applicheremo in futuro? C’è chi discute e chi di imperio cambia tutto? Comunque è solo in vigore in via sperimentale per sei mesi e faremo in modo di cambiarlo in meglio per tutti.

Trasferimenti. Dai primi di gennaio il nuovo DA ha disposto una serie di trasferimenti, all’incirca 15, che ci creano delle forti perplessità. Non intendiamo assolutamente tornare al passato per cui le domande restavano lettera morta, ma questa ventata decisionista presa in assoluta solitudine ci crea forti dubbi. Sono state trasferite persone che non avevano nemmeno fatto domanda, alcuni non sapevano che da tre giorni dovevano presentarsi in una nuova sede di servizio, altri non erano nemmeno attesi e non si sapeva bene cosa dovessero andare a fare nella nuova sede. Ci sembra che si stia creando il caos. Ora la questione non è che questa organizzazione sindacale voglia sapere e mettere bocca sui singoli trasferimenti, ma vuole avere alcune delucidazioni in merito alle scelte che vengono fatte. Questo ateneo, con tutti i limiti che poteva avere, ha avviato nell’ultimo semestre un piano di organizzazione del lavoro, che prevedeva alcuni spostamenti che erano stati condivisi con le OO.SS. anche per fare in modo che ci fosse un ritorno di comunicazione e informazione con i colleghi. Ora tutto questo è saltato, non sappiamo se i trasferimenti sono legati ad un’adesione del DA al recente piano, se sono legati alla chiusura dei 20 dipartimenti che avverrà a breve, o a cos’altro. Sembra di giocare al vecchio gioco delle sedie, che quando smette la musica chi è rimasto senza perde. Alla Certosa di Pontignano sono state trasferite 3 persone e una ha avuto una proposta senza che neanche si interpellasse il responsabile della struttura. Così si crea solo disagio e spaesamento. Chiediamo che si discuta al tavolo di contrattazione della questione e si faccia chiarezza. Un’amministrazione pubblica non è fatta di un solo uomo, ma di tante individualità che concorrono a farla funzionare. Se questo è l’intento bisogna percorrere la strada giusta.

Segreterie amministrative. Va fatta chiarezza anche su ciò che sta avvenendo nelle segreterie amministrative dei dipartimenti di questo ateneo. Si è scelto all’improvviso di cambiare il software di gestione, siamo passati da Civilia a Easy. Fin qui possiamo trovarci d’accordo tutti nel dire che Civilia aveva dei grossi limiti, ma pretendere di cambiare programma quando c’è ancora da avviare un percorso di formazione è assurdo. Si rischia di creare un blocco di tutte le attività dei dipartimenti che poi sono quelli che più hanno bisogno di certezze, visto il periodo di difficoltà che stiamo attraversando e vista la necessità di fare fronte a spese non rinviabili. Il corso che si è svolto giovedì scorso oltre ad aver pesato sulle casse dell’ateneo e aver portato molti ad una gita, questa volta, dentro porta, non ha portato a risultati significativi, anzi ha creato solo confusione. Se pensiamo poi al fatto che a breve avremo accorpamenti di dipartimenti, non vediamo come non si potranno creare ulteriori disagi a quanti provano a fare il loro lavoro. Chiediamo che chi ha le responsabilità di gestione dei rapporti fra amministrazione centrale e dipartimenti chiarisca bene quali sono i tempi e come si intende gestire il passaggio dalla vecchia gestione alla nuova.
Ulteriore questione sui segretari è quella della frequenza al corso per i responsabili di gestione delle strutture universitarie organizzato dal CESFA , nei giorni di lunedì-mercoledì scorsi. Crediamo che se non c’erano iscritti non era il caso di invitare tutti i segretari a frequentare un corso addossando le spese sull’amministrazione centrale, perché così è stato scritto. Forse si potevano risparmiare circa € 14.000,00, visto anche il taglio che è stato per ora previsto alla voce formazione del personale, nel bilancio di previsione 2009.

Annunci
Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: